19 Settembre 2022

Quello che la Russia sta vendendo all’America e quello che Washington sta cercando di nascondere al mondo Professor Katasonov: legno, metalli, uranio, titanio, cibo arrivano dalla Russia attraverso l’oceano

Home 9 Crisi Ucraina 9 Quello che la Russia sta vendendo all’America e quello che Washington sta cercando di nascondere al mondo Professor Katasonov: legno, metalli, uranio, titanio, cibo arrivano dalla Russia attraverso l’oceano
Condividi

Di Valentin Katasonov tradotto da Mondo Multipolare

 

Ho più volte toccato il tema del commercio con il nemico. Intendo il commercio della Russia con l’Occidente collettivo, che da più di sei mesi conduce una guerra di sanzioni contro il nostro Paese. La guerra, purtroppo, è ancora unilaterale. Ci attaccano, introducono nuovi pacchetti di sanzioni e noi rispondiamo solo, adattandoci e difendendoci.

Oggi è diventato difficile analizzare la situazione nel campo delle relazioni economiche estere della Russia con altri paesi a causa del fatto che il Servizio doganale federale (FCS) e altri dipartimenti economici della Russia non forniscono più informazioni statistiche operative sul commercio estero del paese. Ma alcune cose possono essere apprese attraverso le informazioni provenienti dai servizi statistici e doganali di altri paesi con cui la Russia commercia.

Secondo gli ultimi dati del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, da gennaio a luglio di quest’anno sono state esportate in Russia merci statunitensi per un valore totale di 1,30 miliardi di dollari. Le importazioni dalla Russia negli Stati Uniti sono stimate per questo periodo a 11,64 miliardi di dollari.

Quindi, il commercio russo-americano quest’anno è come una strada a senso unico. Le nostre spedizioni all’estero superano di quasi 9 volte i nostri acquisti dall’estero! Per fare un confronto: l’anno scorso le nostre esportazioni negli Stati Uniti sono ammontate a 16,88 miliardi di dollari e le nostre importazioni dagli Stati Uniti a 17,54 miliardi di dollari. il commercio era più o meno equilibrato.

Dopo il 24 febbraio di quest’anno, Washington ha immediatamente imposto sanzioni commerciali contro la Russia, particolarmente dure nei confronti della fornitura di merci americane alla Russia. C’erano alcune restrizioni sulle importazioni dalla Russia, ma erano molto moderate. La logica qui è ovvia. Dobbiamo soffocare l’economia russa tagliando gli investimenti vitali e i beni high-tech. Soprattutto considerando che alcuni di essi (ad esempio i chip) sono utilizzati nella produzione di armi russe.

Ma la fornitura di una serie di merci dalla Russia è necessaria all’economia americana. L’America li pagherà con gli stessi dollari. E ad un certo punto, Washington, che controlla il sistema mondiale del dollaro, premerà un pulsante e ripristinerà tutti i risparmi della Russia in valuta americana. Mosca ha adottato queste regole del gioco, che possono essere chiamate le regole del gioco del giveaway. Invece di azzerare le consegne delle sue merci all’estero (e gli Stati Uniti hanno un disperato bisogno di alcune merci), Mosca ha fatto tutto il possibile per continuare le consegne di merci al suo principale nemico.

Il 25 agosto, l’Associated Press (AP) ha pubblicato un articolo “Sei mesi di guerra, le merci russe continuano a fluire negli Stati Uniti”.

La pubblicazione inizia con questa prefazione: “Sei mesi dopo l’inizio del conflitto in Ucraina, le società americane, compresi gli appaltatori federali, continuano ad acquistare di tutto, dalle grandi società russe, dai pavimenti in betulla al titanio per armi”.

Gli autori della pubblicazione, Juliet Linderman e Martha Mendoza , notano che le cifre utilizzate nell’articolo sono informazioni dettagliate provenienti dai servizi statistici e doganali statunitensi. Questi non sono solo indicatori di costo, ma anche dati sul numero di navi e spedizioni di merci provenienti dalla Russia, i loro volumi fisici. Scrivono, in parte: “L’Associated Press ha scoperto che più di 3.600 spedizioni di legname, metalli, gomma e altre merci sono arrivate nei porti statunitensi dalla Russia da quando ha iniziato a lanciare missili e attacchi aerei contro il suo vicino a febbraio. Si tratta di un calo significativo rispetto allo stesso periodo del 2021, quando sono arrivate circa 6.000 spedizioni, ma ammonta comunque a oltre 1 miliardo di dollari al mese”.

Forniscono informazioni dettagliate sui singoli gruppi di merci che sono arrivate dalla Russia negli Stati Uniti nel periodo dal 24 febbraio al 12 agosto. Il maggior numero di spedizioni di merci – ” legname”. Un totale di 1.294 lotti del peso di 96,1 mila tonnellate Inoltre (per il numero di lotti di merci): “Metalli” (metalli ferrosi, alluminio, titanio, polvere di acciaio, ecc.) – 909 lotti del peso di 264,44 milioni di tonnellate Gruppo alimentare di merci – 341 lotti del peso di 9,97 mila tonnellate.

Ci sono molte merci interessanti, che per qualche motivo non sono menzionate dai media. Ad esempio: “Materiali radioattivi” (47 partiti; 7,7 mila tonnellate); “Elettrodi di carbonio e grafite” (39 lotti; 8,04 mila tonnellate); Munizioni (47 lotti; 3,39 mila tonnellate); “Attrezzature per la produzione di petrolio” (20 lotti; 791,99 tonnellate); “Attrezzature per elaborazione dati” (11 lotti; 446,5 tonnellate); “Cavo in fibra ottica” (8 lotti; 388,41 tonnellate); “Turbine” (2 lotti; 45,43 ton), ecc. Penso che almeno alcuni dei beni appartenenti ai gruppi citati possano e debbano essere classificati come “strategicamente importanti”. E sorge la domanda perché, dopo il 24 febbraio, Mosca ha continuato a fornirli a un paese che ci ha dichiarato direttamente il suo principale nemico?

L’articolo, infatti, contiene spunti su quali “punti caldi” la Russia può e deve “premere” in primo luogo.

Pertanto, la Russia è un esportatore chiave negli Stati Uniti di metalli come alluminio, acciaio e titanio. La cessazione di questo commercio potrebbe aumentare drasticamente i prezzi per gli americani che stanno già combattendo l’inflazione. Gli autori dell’articolo hanno citato Jacob Nell , un economista della Morgan Stanley , “L’idea di base dietro le sanzioni è che stai cercando di agire in un modo che ferisca maggiormente l’altra parte e ferisca meno te”.

Per ridurre al minimo il dolore, la maggior parte delle aziende siderurgiche statunitensi ha mantenuto i propri rapporti con i fornitori russi. Tali scambi, in particolare di alluminio, sono proseguiti quasi ininterrottamente dal 24 febbraio. Da febbraio, AP ha scoperto più di 900 spedizioni di metalli per un totale di oltre 264 milioni di tonnellate. La Russia è uno dei maggiori produttori di alluminio grezzo al di fuori della Cina e un importante esportatore globale.

L’alluminio russo trova la sua strada nelle parti di automobili e aerei americani, lattine e cavi di bibite, scale e pannelli solari. Il più grande acquirente statunitense all’inizio del 2022 era una filiale del gigante russo dell’alluminio Rusal. Ad aprile, l’alta dirigenza di Rusal America ha acquistato la parte statunitense della società e l’ha ribattezzata PerenniAL. Nel solo mese di luglio, PerenniAL ha importato dalla Russia oltre 35.000 tonnellate.

Un altro importatore statunitense di metalli, Tirus US, è di proprietà della società russa VSMPO-AVISMA, il più grande produttore mondiale di titanio. VSMPO fornisce principalmente metallo all’esercito russo per costruire aerei da combattimento. E Tirus US continua a fornire titanio russo a più di 300 aziende in 48 paesi, tra cui una gamma di acquirenti statunitensi che vanno dai produttori di gioielli alle aziende aerospaziali.

L’8 marzo, Joe Biden ha annunciato che gli Stati Uniti stavano vietando tutte le importazioni di petrolio, gas ed energia russi, “prendendo di mira l’arteria principale dell’economia russa”. “Ciò significa che il petrolio russo non sarà più accettato nei porti statunitensi e il popolo americano infliggerà un altro potente colpo alla macchina da guerra di Putin”, ha affermato.

Ore dopo l’annuncio, sono emerse notizie secondo cui una nave che trasportava 1 milione di barili di petrolio russo negli Stati Uniti aveva cambiato rotta verso la Francia. Ma era solo un’azione dimostrativa. A luglio, in particolare, i media hanno riferito che una petroliera che trasportava circa 75.000 barili di petrolio bituminoso russo è entrata nel porto di Texas City, in Texas. Dopo un lungo passaggio attraverso il Nord Atlantico, il petrolio russo è stato inviato alle raffinerie della compagnia americana Valero.

Dopo l’8 marzo, le consegne di petrolio russo sono continuate a Valero, ExxonMobil e altre società americane. Il manager della ExxonMobil Julie King ha detto all’AP che la spedizione di petrolio di luglio proveniva dal Kazakistan e non era soggetta a sanzioni. Un articolo dell’AP sulle importazioni di petrolio russo negli Stati Uniti osserva: “Prodotti ora vietati come petrolio e gas russo hanno continuato ad entrare nei porti degli Stati Uniti molto tempo dopo l’annuncio delle sanzioni a causa dei periodi di “rilassamento” che hanno consentito alle aziende di onorare i contratti esistenti.

In alcuni casi, l’origine dei prodotti spediti dai porti russi può essere difficile da determinare. Le compagnie energetiche statunitensi continuano a importare petrolio dal Kazakistan attraverso i porti russi, sebbene questo petrolio sia talvolta mescolato con carburante russo. Gli esperti commerciali avvertono che i fornitori russi sono inaffidabili e le strutture aziendali opache della maggior parte delle grandi aziende russe rendono difficile determinare i loro legami con il governo.

Non rientrano nelle sanzioni e nei materiali nucleari dalla Russia. AP ha anche tracciato milioni di dollari di spedizioni di esafluoruro di uranio radioattivo dalla JSC Tenex, di proprietà statale russa, il più grande esportatore mondiale di materie prime del ciclo del combustibile nucleare, a Westinghouse Electric Co. nella Carolina del Sud. L’articolo osserva: “La portavoce di Westinghouse, Cathy Mann , ha affermato che come parte del processo di fabbricazione del combustibile nucleare, i loro impianti di fabbricazione del combustibile ricevono prodotto di uranio arricchito e lo trasformano in pellet di combustibile. Ha detto che Westinghouse non possiede l’uranio usato per produrre il carburante. Questo materiale appartiene a clienti che gestiscono centrali nucleari in tutto il mondo”.

Aggiungo che già a marzo le autorità russe hanno sollevato la questione della necessità di interrompere le forniture di uranio arricchito agli Stati Uniti, da cui dipende il funzionamento di molte centrali nucleari americane. Una sanzione all’uranio da parte di Mosca provocherebbe un’immediata crisi energetica negli Stati Uniti. Finora, per qualche ragione, Mosca non ha preso una decisione su tale sanzione all’uranio.

La pubblicazione di AP all’inizio di settembre è stata commentata da Global Research nell’articolo “Gli Stati Uniti hanno importato $ 6 miliardi dalla Russia perché obbligano gli altri a smettere di fare affari con Mosca”.

L’autore dell’articolo Drago Bosnic osserva: “Gli Stati Uniti, in quanto principale potenza occidentale che ha spinto i suoi vassalli europei e di altro tipo in una guerra economica con la Russia con conseguenze devastanti per l’UE e altre economie, continuano a fare affari con Mosca … Secondo alle statistiche fornite dall’Associated Press, dal 24 febbraio oltre 3.600 navi dalla Russia sono arrivate nei porti americani. Sebbene questo sia quasi il 50% in meno rispetto all’offerta nello stesso periodo rispetto all’anno scorso, le importazioni superano ancora i 6 miliardi di dollari”.

Drago Bosnich osserva che l’approccio altamente differenziato di Washington alla questione di cosa dovrebbe essere vietato nelle importazioni russe e cosa dovrebbe essere mantenuto consente ad altri paesi di avvicinarsi “creativamente” alle sanzioni anti-russe.

Soprattutto un tale approccio “creativo” si osserva tra quei paesi che non hanno aderito direttamente alle sanzioni anti-russe. L’ipocrisia di Washington indebolisce notevolmente l’efficacia delle sanzioni contro Mosca. “Washington sta cercando di esercitare pressioni diplomatiche su altri affinché smettano di fare affari con Mosca. Mentre molti hanno seguito i dettami degli Stati Uniti, altri non solo mantengono i loro legami economici con la Russia, ma li stanno persino espandendo. Ad esempio, la Turchia, membro della NATO dal 1952, quest’anno ha raddoppiato le sue importazioni di petrolio dalla Russia.

Questo approccio ipocrita ha creato frustrazione in molti paesi, comprese le maggiori potenze mondiali come l’India… come la Turchia, anche l’India ha aumentato in modo significativo le sue importazioni di energia dalla Russia, nonostante le pressioni degli Stati Uniti per impedire a Nuova Delhi di farlo.

Si può anche notare che Washington è abbastanza tollerante nei confronti dell’espansione del commercio della Turchia con la Russia, perché alcune società turche hanno iniziato a svolgere il ruolo di intermediari. Quelle merci che in precedenza venivano inviate direttamente dalla Russia negli Stati Uniti vengono ora inviate lì attraverso la Turchia. Lo ha riportato il 30 agosto il quotidiano turco Yeni Safak, citando fonti tra uomini d’affari turchi.

Secondo le fonti della pubblicazione, le società che hanno lasciato la Russia sono alla ricerca di partner turchi a cui venga offerta una commissione e un affare congiunto. “Gli uomini d’affari con cui abbiamo parlato hanno notato che negli ultimi mesi il numero di tali proposte da parte di aziende americane è aumentato”, afferma il materiale.

Ma l’Europa, a differenza della Turchia, dell’India e di una serie di altri paesi che hanno affrontato “creativamente” la questione delle sanzioni anti-russe, ha dimostrato di essere completamente un vassallo americano. Soddisfa indiscutibilmente tutte le sanzioni, senza esitazione, “sparandole un piede”. Ciò minaccia con grandiose crisi energetiche e economiche e, forse, anche il crollo dell’Europa un tempo “unita”.

“E come sarà l’Europa nel 2023 dopo aver attraversato un completo collasso politico? Qualunque cosa accada all’Europa e agli altri vassalli degli Stati Uniti, una cosa è certa: l’America continuerà a importare beni essenziali dalla Russia mentre farà pressioni sugli altri per non farlo. Tuttavia, questa non è necessariamente una cosa negativa, poiché sarà la perfetta cartina di tornasole della sovranità per molti in tutto il mondo e un grande indicatore di chi avrà il privilegio di entrare a far parte del nuovo mondo multipolare degli stati sovrani”, conclude Drago Bosnich.

Quanto alla Russia, deve annullare al più presto il suo commercio con il principale nemico. A rigor di termini, le consegne di merci russe all’estero non possono nemmeno essere chiamate “commercio”. Sarebbe più corretto chiamarlo “aiuto” al nemico. Come mai? Sì, perché i miliardi di dollari che la Russia riceve oggi dagli Stati Uniti, non può spendere per l’acquisto dei beni di cui ha bisogno. E ad un certo punto, i miliardi di dollari accumulati verranno cancellati  dal nemico con la semplice pressione di un pulsante.

 

 


Condividi
Mario Pietri

Mario Pietri

Pietri Mario, libero professionista, fondatore dell'associazione Sinerghia Italia Russia, Vicepresidente nazionale di Confimpresa Italia con delega ai rapporti con la Federazione Russa, appassionato di geopolitica ed economia.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.